STUDIO FLEBOLOGICO PROFESSOR MASSIMO CAPPELLI STUDIO ANGIOLOGICO FLEBOLOGO CHIRURGIA CONSERVATIVA EMODINAMICA CHIVA SCLEROTERAPIA ECOGUIDATA CAPILLARI VARICI CHIRURGIA DELLE VARICI ULCERE LASER TERAPIA NEURALTERAPIA FLEBOLOGIA TRATTAMENTO CURA TERAPIA CHIRURGIA MALATTIA VARICOSA VENE VARICOSE GAMBE VARICOSE VARICI ARTI INFERIORI MALATTIA DELLE VENE INESTETISMI DELLE VENE INSUFFICIENZA VENOSA TERAPIA CHIRURGICA CONSERVATIVA EMODINAMICA METODICA CHIVA METODO CHIVA TERAPIA SCLEROSANTE ECOGUIDATA LASER TERAPIA BENDAGGI TOILETTE DI LESIONI ULCERATIVE CURA DI MALATTIE LINFATICHE INESTETISMI CUTANEI TRATTAMENTO DI ADIPOSITÀ LOCALIZZATE MESOTERAPIA CONSULENZA NUTRIZIONALE FITOTERAPIA OMOTOSSICOLOGIA OMEOPATIA DI RISONANZA ITALIA TOSCANA FIRENZE VALDISIEVE VALDARNO MUGELLO ITALY TUSCANY FLORENCE SIEVEONLINE NETWORK

Home


Società Italiana di Flebologia

   TERAPIE ED APPROFONDIMENTI

       TERAPIA DELLE ULCERE VENOSE

<<<

L’ulcera venosa è un’autolesione dei tessuti, di dimensioni e profondità variabili, localizzata nella zona della caviglia. È caratterizzata da un andamento cronico e da una guarigione lenta e non spontanea, per cui necessita di interventi specifici per la riparazione tissutale. Tende inoltre a recidivare finché non si interviene sui meccanismi emodinamici che sostengono la sua genesi. Se particolarmente profonda, può lasciare intravedere strutture sottostanti, come fasce, muscoli e tendini, ma ciò accade più spesso nel caso di ulcere infette o di ulcera arteriosa, piuttosto che venosa.

E’ espressione dell’insufficienza venosa del circolo superficiale o safenico nel 30% dei casi mentre dimostra un’incidenza pressochè doppia quando l’insufficienza valvolare colpisce i tronchi venosi profondi, spesso esito di pregresse trombosi venose. Comunque la causa finale è sempre un danno del microcircolo causato da
  aumento della pressione venosa e rallentamento di flusso.

Il dolore si manifesta in modo severo in circa il 60% dei casi e richiede l’uso di analgesici; non è proporzionale alla gravità del processo ulceroso perché anche piccole ulcere possono essere molto dolenti; spesso è espressione di un quadro infettivo sovrammesso.
L’ulcera venosa è sempre una risultante delle alterazioni emodinamiche e della risposta del tessuto da parte del Sistema Regolatore Basale, ossia dell’insieme delle funzioni che sostengono l’equilibrio omeostatico (vedi terapie associate).

Un approccio corretto prevede azioni terapeutiche mirate a ciascuna di queste due componenti. La correzione dell’alterazione emodinamica è perseguita con la strategia conservativa CHIVA, o, in casi particolari, soppressiva, con un trattamento
  scleroterapico eventualmente ecoguidato. Viene applicato sistematicamente un bendaggio elasto-compressivo, che facilita il drenaggio dei tessuti innescando processi di rimozione dei tessuti alterati, stimolando così la ricrescita tissutale.
E’ fondamentale il controllo delle infezioni batteriche attraverso il bendaggio associato a medicazioni dedicate, un trattamento antibiotico mirato e nei casi resistenti la sterilizzazione laser. Quest’ultimo utilizzato anche, ad energie diverse, per la stimolazione della crescita tissutale.

L’ottimizzazione della risposta del Sistema Regolatore Basale è ottenuta con un corretto stato nutrizionale e una regolazione specifica dei vari componenti del sistema (vedi terapie associate).