STUDIO FLEBOLOGICO PROFESSOR MASSIMO CAPPELLI STUDIO ANGIOLOGICO FLEBOLOGO CHIRURGIA CONSERVATIVA EMODINAMICA CHIVA SCLEROTERAPIA ECOGUIDATA CAPILLARI VARICI CHIRURGIA DELLE VARICI ULCERE LASER TERAPIA NEURALTERAPIA FLEBOLOGIA TRATTAMENTO CURA TERAPIA CHIRURGIA MALATTIA VARICOSA VENE VARICOSE GAMBE VARICOSE VARICI ARTI INFERIORI MALATTIA DELLE VENE INESTETISMI DELLE VENE INSUFFICIENZA VENOSA TERAPIA CHIRURGICA CONSERVATIVA EMODINAMICA METODICA CHIVA METODO CHIVA TERAPIA SCLEROSANTE ECOGUIDATA LASER TERAPIA BENDAGGI TOILETTE DI LESIONI ULCERATIVE CURA DI MALATTIE LINFATICHE INESTETISMI CUTANEI TRATTAMENTO DI ADIPOSITÀ LOCALIZZATE MESOTERAPIA CONSULENZA NUTRIZIONALE FITOTERAPIA OMOTOSSICOLOGIA OMEOPATIA DI RISONANZA ITALIA TOSCANA FIRENZE VALDISIEVE VALDARNO MUGELLO ITALY TUSCANY FLORENCE SIEVEONLINE NETWORK

Home


Società Italiana di Flebologia

   CHIVA: L'ESPERTO RISPONDE

       Perché lo Stripping e perché le Tecniche ablative endovascolari?

<<<

Lo stripping, termine anglosassone per indicare l’asportazione della vena safena interna o delle sue collaterali attraverso un vero e proprio “strappamento” (sulla guida di una sonda), rappresenta la prima soluzione chirurgica, in senso cronologico, al problema delle varici. Collaudato in un tempo ove ancora non ci si poteva avvalere del metodo diagnostico dell’ecodoppler che ha segnato l’enorme scoperta e progresso nella comprensione emodinamica della patologia in esame, lo stripping ha rappresentato per un lungo periodo un intervento “alla cieca” e ancora adesso in parte rimane tale. Esso soddisfa quell’istinto chirurgico che tende a demolire la struttura in qualche modo compromessa, ovviamente quando questa non sia indispensabile né alla sopravvivenza, né all’economia del sistema; col presupposto errato però che una vena varicosa non possa in qualche modo “riabilitarsi”, una volta compreso il meccanismo che l’ha indotta alla dilatazione; ne deriva di conseguenza e più specificatamente che questo sfiancamento venoso debba considerarsi a tutti gli effetti irreversibile, e di più, condannato al peggioramento. Insomma, asportando la vena malata, lo stripping si preclude di principio la possibilità del suo recupero.
Battono la stessa via le tecniche ablative endovascolari, reclamizzate di recente, come l’utilizzo del laser, della radiofrequenza e la scleroterapia del tronco venoso principale.

La soppressione del tronco safenico, principale via di scarico della rete venosa superficiale, condiziona in un elevato numero di casi la recidiva delle varici. Recidiva che si svilupperà in modo “caotico”, venendo a mancare la principale via di scarico e quindi l’orientamento di una possibile evoluzione guidata.
E’ vero anche che alcuni stripping, eseguiti con tali presupposti, sono seguiti da guarigione pressoché stabile, ma questa è solo la minoranza dei casi e comunque non prevedibili.
Quindi, alla resa dei conti, i pazienti che hanno subito lo stripping, fortunoso o meno, rappresentano i portatori di un modello sperimentale che conferma la validità dei presupposti del metodo conservativo CHIVA.
I risultati già pubblicati, secondo studi clinici controllati a 5 e a 10 anni, rispettivamente dello stripping e del metodo CHIVA sono a favore di quest’ultimo, anche per quanto riguarda la recidiva che occorre con un’incidenza nettamente inferiore.